Canederli allo speck in brodo: origine e ricetta in sintesi

I primi freddi autunnali ci hanno fatto venire voglia di preparare un piatto caldo e nutriente che sa di montagna. Ed ecco allora che oggi, per la nostra ricetta di Il Mondo in Cucina, torniamo al nostro viaggio in Alto Adige con la ricetta dei canederli allo speck in brodo. Un primo che abbiamo realizzato in versione light e, cioè cotto in brodo vegetale e senza burro. Pronti per cucinare con noi?

Come si fanno i canederli allo speck in brodo: la base per l'impasto

Se non l’avete già pronto, preparate subito il brodo vegetale. Lavate ed asciugate carote, sedano, la cipolla e la patata e mettete a bollire. Il nostro consiglio, per avere un brodo più saporito, è di aggiungerci pepe nero, noce moscata e un pò di grasso dello speck. Passiamo ora all’impasto dei canederli. La prima cosa, è far ammorbidire il pane. Togliete la scorza e ponetelo in una ciotola ben capiente. Scaldate il latte e, una volta caldo, versatecelo sopra. Insaporite con un pò di sale e lasciate riposare, magari pressando un pò la mollica con le mani. 

Passiamo all’imbottitura. Tagliate lo speck a striscioline sottili e la cipolla a spicchi poco spessi. Prendete una saltapasta o una padella antiaderente, fatela scaldare su una fiamma media e, quando sarà ben calda, versateci lo speck. Lasciate così per 5 minuti. Dovrà sciogliere parte del suo grasso. Aggiungete poi la cipolla e fate insaporire il tutto per almeno 10 minuti. Abbiate cura di girare il tutto con un mestolo e, se dovesse attaccarsi sul fondo, sfumate con un pò di brodo caldo o di acqua. Quando la cipolla sarà ben appassita, spegnete. In una ciotola sbattete le uova e, a parte, tritate una manciata di erba cipollina

Come impastare i canederli

Adesso, siamo pronti per impastare i nostri canederli! Prendete il pane, strizzatelo bene per far sì che non risulti troppo bagnato e, mettetelo in una ciotola pulita. Unite la farina, lo speck con la cipolla, le uova e iniziate ad amalgamare il tutto. Aggiungete un pò di sale, di pepe se gradite e, l’erba cipollina continuando a lavorare l’impasto. Dovrà risultare ben compatto e poco umido. Ora, iniziate a formare della palline non troppo piccole e ponetele su un vassoio. Il nostro consiglio, una volta pronti, è di lasciar riposare i canederli in frigo per una mezz’oretta, coperti da pellicola.

Come cucinare e servire i canederli allo speck

Dopo aver fatto assestare i canederli in frigorifero, siete pronti per cuocerli. Noi li abbiamo cotti direttamente nel brodo vegetale. L’importante è che la pentola sia ampia e, soprattutto larga, per far sì che non si attacchino durante la cottura. Nel frattempo, se i canederli, dovessero risultare un pò appiccicosi, il suggerimento è di passarli 10 minuti in forno pre-riscaldato a 140°. Non appena il brodo arriverà ad ebollizione, sarete pronti per cuocerli! Immergeteli con cura uno ad uno e, abbiate cura di girarli un pochino durante la cottura. I nostri canederli hanno cotto in 8′ circa. In ogni caso, vi accorgerete che saranno pronti, quando saliranno tutti a galla.

Servite caldi e fumanti in scodelle ampie, con il brodo e un pizzico di erba cipollina fresca, aggiunta alla fine. Ora siete pronti per gustarli!

Canederli allo speck: conservazione

Se tutti gli ingredienti sono freschi, potete conservare i canederli per un giorno in frigo, una volta cotti e ben scolati dal brodo. Conservando inoltre pure il brodo di cottura, potrete riscaldarli senza problemi il giorno successivo 😉 Noi, speriamo che questa ricetta vi sia piaciuta e vi diamo appuntamento alla prossima settimana per un nuovo piatto da preparare insieme!


0 commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: