• Napoli, Centro Storico, Museo, Sanità
  • Pranzo da: Pizzeria dal Presidente, Concettina ai 3 Santi
    Cena da: Tandem
    Dolci da: Mary, Pintauro
  • Metro, a piedi
  • Dolci tipici, pastori artigianali a San Gregorio Armeno
  • Resta...Resta cu'mme, Pino Daniele
  • Cristo Velato, Napoli Sotterranea, spettacolo al Teatro San Carlo, Stazione Metro Toledo, Mann, Palazzo dello Spagnolo, Pio Monte della Misericordia e...una pizza a Via dei Tribunali
  • Scarica qui l'itinerario completo in pdf!

Napoli e il centro storico: cosa vedere e itinerario in sintesi

Per scoprire Napoli non basterebbe una settimana. Anche per chi come noi, vi è cresciuto, nasconde degli angoli dove magari siamo passati solo velocemente oppure dove non siamo mai stati. Dopo il percorso per chi ha a disposizione solo un giorno a Napoli, ecco invece un itinerario dedicato al centro storico, pensato per chi visita la nostra città per la prima volta o per chi vuole concentrarsi solo su questa zona. Il nostro giro è diviso in tre blocchi che possono essere combinati tra di loro, a seconda del tempo a disposizione e delle vostre preferenze 😉 Nel complesso, per l’intero tour, sono necessari 3 giorni pieni

Primo giorno a Napoli: da Piazza Dante al Duomo

Il nostro itinerario dedicato al centro storico, inizia da Piazza Dante. Se raggiungerete la città in treno, il consiglio è di pernottare proprio in centro, essendo ben collegato dalla metropolitana. Da Piazza Dante si passa per Port’Alba, zona storica per le famose librerie alcune delle quali ormai purtroppo chiuse. Si arriva poi in Piazza Bellini, dove si possono ammirare i resti di alcune mura greche circondati da antichi palazzi. Fermatevi qui per un attimo ad ammirare la bellezza e l’eleganza di questa piazza che di sera si trasforma e diventa popolata da una scatenata movida. Si rimane incantati. Dopo, proseguite su Via S.Pietro a Majella. Passerete davanti all’omonimo Conservatorio e alla chiesa sino ad arrivare in Piazza Miraglia. Da qui, se non l’avete mai visitata, è d’obbligo una deviazione in Vico di San Domenico Maggiore in direzione Cappella di San Severo. Il consiglio, per visitare tale meraviglia, è di prenotare il biglietto online che permette di saltare la fila. Sebbene il costo sia altino (10€ inclusi i diritti per la prenotazione online) la Cappella di San Severo è uno di quei luoghi di Napoli da vedere almeno una volta nella vita. 

Il cuore del centro storico: Via dei Tribunali, Napoli Sotterranea e San Gregorio Armeno

L’itinerario prosegue ritornando su Via dei Tribunali. Da qui le opzioni sono tante. Se non si soffre di claustrofobia, allora si può scegliere di visitare Napoli Sotterranea, con i suoi cunicoli ricchi di storia ma anche di leggende. Oppure proseguire e fermarsi alla Basilica di San Paolo, stupendo esempio di barocco napoletano. Poco più avanti, non perdetevi il Complesso di San Lorenzo Maggiore. Una chiesa medievale che sorge sulle rovine di un antico mercato romano. Il nostro cammino prosegue verso Via Duomo. A voi la scelta di un’altra piccola deviazione: San Gregorio Armeno. Un giro consigliato soprattutto fuori dal periodo festivo, quando la strada diventa congestionata e si cammina a passo d’uomo. 

Dove mangiare a Via dei Tribunali: la nostra scelta

Se nel frattempo, vi è venuta un pò di fame, ovviamente avrete l’imbarazzo della scelta! Lungo Via dei Tribunali, una delle scelte migliori è la Pizzeria dal Presidente. Se siete fortunati, con poca attesa, potrete sedervi all’interno e gustare una delle pizze più buone di Napoli (se mangiate carne non perdete la salsiccia e friarielli) 😛 Se invece, preferite qualcosa di veloce, potrete assaggiare il take away con vasta scelta tra frittatine di pasta, crocchè e di tutto di più! 

Dopo una pausa golosa, l’itinerario a piedi nel centro storico di Napoli prosegue con una tappa immancabile: il Duomo! Maestoso ed imponente, sia gli esterni che gli interni sono l’esempio dell’insieme di stili che lo caratterizzano. Si parte dal gotico sino al neogotico, passando per il barocco. A fianco alla Basilica, non perdete poi il Museo del Tesoro di San Gennaro. Aperto tutti i giorni della settimana, con orari differenziati tra feriali e festivi, il biglietto di ingresso ha un costo di 6€ ed è acquistabile online. Nel Museo si trova esposto il tesoro dedicato al Santo composto da una grande varietà di gioielli. Primo tra tutti, la collana, composta da diversi doni che, nel corso dei secoli, reali e persone del popolo donarono al Santo. Degna di nota anche la pisside gemmata, tutt’oggi usata durante le processioni.

Secondo giorno a Napoli: da Piazza del Plebiscito al Borgo dei Vergini

La seconda parte dell’itinerario dedicato al centro storico di Napoli, non può che iniziare da uno dei luoghi simbolo della città: Piazza del Plebiscito. Ammiratela in tutto il suo splendore, magari meglio la mattina presto, quando potrete essere quasi soli. Da qui, il consiglio è di visitare immediatamente Palazzo Reale con il suo giardino. L’ingresso è consentito tutti i giorni mentre, per il giardino solo sabato, domenica e festivi con visite guidate in orari programmati. Il ticket di ingresso è di 6€ per la residenza e 3€ per il giardino. Dopo la visita, per cui dovete considerare un paio di ore, proseguite e, se vi va, entrate nel  meraviglioso Teatro San Carlo, immediatamente a fianco. Il teatro è visitabile tutti i giorni con tour guidati di mezz’ora, in orari programmati, al costo di 9€. Il suggerimento però, se riuscite, è di andarvi di sera per uno spettacolo. Un’esperienza veramente unica. Dopo il San Carlo, la nostra passeggiata prosegue. Si attraversa la Galleria Umberto I° e, se avete un leggero languorino, fermatevi a gustare il babà di Mary (corner super celebre proprio in galleria). Continuate poi lungo via Toledo. Se invece preferite una sfogliatella non c’è problema. Lungo la strada troverete Pintauro tappa obbligata dove, se siete fortunati, potrete assaggiarla anche calda 😛

La metropolitana più bella d'Europa e il MANN

Dopo una pausa golosa, è ora di prendere la metropolitana in quella che è stata definita dalla CNN la stazione più bella d’Europa: la metro di Toledo! Preparatevi a 3 rampe di scale mobili che vi condurranno nel blu più profondo. Sì perchè vi sembrerà di immergervi in una vera e propria piscina. Il gioco di luci e di mattonelle nei toni dell’azzurro e del blu realizzato qui è davvero un incanto, non perdetela! Il tragitto, per chi ama camminare, si può tranquillamente percorrere a piedi ma, almeno una volta, questa stazione è da vedere! Prendiamo la metro in direzione Piscinola e scendiamo a Museo. Arriviamo così a Piazza Cavour dove il consiglio è di visitare il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN). Il MANN è visitabile tutti i giorni, ad eccezione del martedì, dalle 9:00 alle 19:30. Il biglietto di ingresso, acquistabile anche online, costa 18€. Se avete intenzione di visitare il museo, essendoci diverse collezioni e il tempo da dedicarvi è molto soggettivo, il suggerimento è di consultare prima il sito e scegliere il percorso che più fa per voi e vi piace 😉

Il Borgo dei Vergini, tra il Rione Sanità e via Foria

Dopo il MANN, il nostro cammino prosegue nel borgo dei Vergini con alcuni dei palazzi monumentali più belli di Napoli. Siamo alle spalle di Piazza Cavour, nella zona compresa tra Via Foria e il Rione Sanità. Prima tappa è Palazzo Sanfelice. Si prosegue con un altro classico: il Palazzo dello Spagnolo. Siamo all’inizio del rione Sanità e l’edificio, datato 1738, è uno dei migliori esempi di barocco napoletano. La sua particolare bellezza sta nella scalinata monumentale a doppia rampa, detta anche ad “ali di falco”. Sopra i portoni inoltre, sono visibili stemmi e busti decorati con stucchi, rappresentativi delle famiglie che un tempo vi abitavano. Fermatevi sulla scalinata ad osservarli, alcuni sono davvero singolari. E dopo questa visita, se siete affamati di pizza, in zona c’è la famosa Pizzeria Concettina ai Tre Santi, dove però spesso c’è da attendere un pò. 

Il Pio Monte della Misericordia e lo spettacolo di Caravaggio

Ultima tappa dell’itinerario di questa giornata è il Pio Monte della Misericordia, nei pressi di Via Duomo. L’edificio, ha al suo interno una cappella del ‘700 dove è presente un’imponente tela di Caravaggio dedicata alle Sette Opere di Misericordia. Oltre alla cappella dove anche la cupola merita di essere osservata, salendo lo scalone monumentale c’è la Quadreria con diverse opere del settecento napoletano. Il Pio Monte della Misericordia è aperto dal lunedì al sabato dalle 9:00 alle 18:00 e la domenica sino alle 14:30 e il biglietto ha un costo di 8€

Ultimo giorno nel centro storico di Napoli: dalla Pignasecca a Piazza San Domenico Maggiore

L’ultima parte del percorso dedicato al centro storico di Napoli, parte da Piazza Carità, anima della città. E’ un tragitto fattibile in 3 ore circa e consigliamo di farlo di mattina, essendoci un mercato. Si imbocca via della Pignasecca e ci si addentra nello storico e pittoresco mercato. Osservate i chioschi dedicati alla trippa e al “‘o pere e o’ muss”, preparazione tipica napoletana composta da scarti di piede di maiale e muso di vitello. Svoltate su via del Forno Vecchio e attraversate Via Toledo e via Sant’Anna dei Lombardi. Da qui, si prosegue in direzione Piazza del Gesù per ammirare il famoso bugnato e la chiesa di Santa Chiara con il suo chiostro. La passeggiata prosegue in via Benedetto Croce sino in Piazza San Domenico Maggiore. Qui si può visitare l’omonima chiesa. Il nostro itinerario nel centro storico napoletano, si chiude poco più avanti in Largo Corpo di Napoli. Per concludere, se nel frattempo vi è venuta fame, vi suggeriamo una vera chicca: Tandem in via Mezzocannone. Qui potrete assaggiare piatti della cucina napoletana da asporto oppure il famoso cuzzetiello…Un tozzo di pane ripieno di ragù, polpette e le preparazioni tipiche della tradizione napoletana. Un qualcosa veramente insuperabile! 😛

Se avete curiosità o vorreste info su altri luoghi di Napoli non menzionati, scrivetecelo nei commenti! Saremo felici di fornirvi altri spunti e idee per visitare la nostra città 🙂


2 commenti

Panorami di Napoli: itinerario tra parchi e luoghi mozzafiato · 16 Aprile 2020 alle 11:28 PM

[…] le parole di Goethe divenute ormai celebri quando si parla di Napoli. E allora, dopo l’itinerario dedicato al centro storico, eccone un’altro per conoscere ancora di più la città. Oggi vi portiamo con noi alla […]

Cosa vedere in Campania: il nostro itinerario on the road · 15 Giugno 2020 alle 5:51 PM

[…] è di viverla e dedicarvi almeno un paio di giorni. Camminate a piedi tra i vicoli del centro storico e della Pignasecca, per assaporare la sua vera essenza. Concedetevi pause golose con lo street […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: