Trippa alla romana con menta: origine e ricetta in sintesi

Il piatto che vi proponiamo stasera con la rubrica Il Mondo in Cucina, è un grande classico della cucina romana da provare. Stiamo parlando della famosa ricetta della trippa alla romana che, oltre al pecorino ha un altro ingrediente assolutamente da inserire nella sua preparazione: la menta. Anche se per la cottura completa, sono necessarie più di un paio d’ore, la preparazione è veramente molto semplice. Il consiglio, è di usare la trippa precotta che si può trovare sia al supermercato che dal macellaio. Allora, pronti per iniziare? 😛

Prepariamo la ricetta della trippa alla romana con menta: iniziamo dal soffritto

Per prima cosa, anche se precotta, noi vi suggeriamo di sbollentare la trippa prima in acqua bollente. Basteranno 5 minuti. Procediamo ora con il soffritto. In un tegame (meglio se di coccio), fate soffriggere la cipolla il sedano e la carota a fuoco basso, lasciando appassire il tutto. Allungate con dell’acqua finchè la cipolla non diventerà trasparente. Salare e pepare a piacere. Se vi piace, potrete aggiungere un peperoncino fresco. Quando il misto è asciutto versate metà del vino bianco e lasciate evaporare.

L'aggiunta della trippa e la seconda parte della cottura

Togliete l’aglio e aggiungete, ora, la trippa. Lasciate cuocere per 10 minuti aggiungendo l’altra metà del vino. Fate sempre evaporare e aggiungete il pomodoro insieme ad un bicchiere d’acqua. Continuate la cottura a fuoco basso, parzialmente coperto, per due ore, allungando con un pò d’acqua, se necessario.

Trippa alla romana: la menta e come servire

Una volta che il tutto avrà la corposità desiderata (non è una zuppa ma, soprattutto, deve consentire la scarpetta!), aggiungete qualche fogliolina di menta fresca e togliete dal fuoco. Non vi resterà che servire la vostra trippa alla romana con menta condita da abbondante pecorino romano! Il nostro consiglio, è di gustarla fumante, in dei tegami di coccio, proprio come al ristorante!

La trippa si conserva per, non oltre, due giorni, in frigorifero. Essendo anche precotta, non vi consigliamo assolutamente di congelarla. Adesso, non ci resta che augurarvi buon appetito! 😛


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.