Pithiviers salata con verdure: origine e ricetta in sintesi

Oggi con la nostra rubrica culinaria, Il Mondo in Cucina, facciamo un salto in Francia con una ricetta non solo facile ma, velocissima! Parliamo della ricetta della pithiviers salata con verdure, l’avete mai assaggiata? La pithiviers, in realtà, nasce e prende il nome dall’omonimo paesino francese Pithiviers, nella regione Centro – Valle della Loira. Una zona neanche troppo distante da Parigi. La ricetta originale però, era dolce trattandosi di una vera e propria torta rotonda composta da due dischi di pasta sfoglia ripieni di crema alle mandorle. Noi, vista la versatilità dell’impasto, ve la proponiamo in versione salata. Un piatto ideale per un aperitivo, uno spuntino veloce oppure, perchè no, una cena. Abbiamo scelto di realizzarla in versione vegetariana ma, naturalmente, potete sostituire il ripieno come preferite, anche con carne e verdure magari. Pronti per iniziare?

Prepariamo insieme la ricetta della phitiviers salata: il ripieno

Essendo l’impasto della nostra phitiviers salata già pronto, dedichiamoci al ripieno. Lavate le verdure e mondatele a cubettini piccoli. Stessa cosa per i pomodorini. In una padella antiaderente, fate imbiondire uno spicchio d’aglio e, una volta a temperatura, unite  i peperoni, le melanzane e le zucchine. Mescolate bene e, se si gradimento, salate e pepate a piacere. Dopo 10 minuti di cottura, inserite i pomodorini e amalgamate bene. Lasciate cuocere in tal modo per almeno 30 minuti avendo cura di girare, di tanto in tanto, le verdure onde evitare che si attacchino al fondo. Se necessario, aggiungete un pò d’acqua o, se lo avete disponibile, del brodo vegetale caldo per sfumare durante la cottura. Una volta cotte, spegnete e rimuovete l’aglio.

Terminiamo la preparazione del ripieno, tagliando anche il formaggio a cubettini. 

Come comporre la pithiviers salata: consigli ed alternative

Tirate fuori dal frigo la pasta sfoglia. Ungete una teglia tonda con burro e infarinatela leggermente. Prendete il primo disco e ponetelo sul fondo della teglia avendo cura di coprire pure i bordi. Assicuratevi che le verdure non siano troppo calde e mescolatele con il formaggio. Aggiungetele nella teglia cercando di disporre il ripieno uniformemente su tutta la superficie. Ora, in una ciotola, sbattete l’uovo con un goccio di latte. Bagnate con questo mix leggermente i bordi della pasta sfoglia. Ricoprite ora con l’altro rotolo di pasta sfoglia avendo cura, con le dita, di unire bene i bordi proprio nei punti in cui è presente l’uovo. 

Una volta che la vostra pithiviers salata con verdure sarà ben chiusa, spennellate leggermente con l’uovo la superficie. Infine, con un coltello affilato, create un piccolo buco al centro e, partendo da lì, disegnate degli archi arrivando sino ai bordi della torta. Mi raccomando, fate sempre attenzione a non tagliare troppo profondamente la sfoglia! Con il ripieno, come dicevamo inizialmente, potete davvero giocare come preferite: alle verdure potete unire la carne al posto del formaggio oppure ancora, creare mix sfiziosi come zucca e speck. Insomma, la pithiviers salata è davvero una ricetta che si adatta a tutti i gusti 😛

Pithiviers salata con verdure e formaggio: cottura e conservazione

Adesso siamo pronti per cuocere la nostra pithivers. Infornatela in un forno pre-riscaldato ventilato a 200 gradi per i primi 15 minuti. Continuate poi la cottura per altri 15 minuti, riducendo però la temperatura a 180 gradi. Sfornate la vostra torta salata quando sarà ben dorata sulla superficie. Il nostro consiglio, è di servirla tiepida per gustarla al meglio e senza rischiare che si sfaldi. 

La pithiviers si conserva senza problemi per un paio di giorni in frigo. Se poi utilizzate tutti ingredienti freschi, allora potete anche congelarla. Ora, non ci resta che augurarvi buon appetito! Se la ricetta della pithiviers salata con verdure vi è piaciuta o avete qualche domanda, scriveteci nei commenti 🙂


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.