Open Baladin a Roma: il locale in sintesi

Open Baladin è stato uno delle prime birrerie che abbiamo scovato a Roma. Uno di quei posti che mai, penseresti di trovare in pieno centro storico. Siamo infatti in Via degli Specchi a due passi (veri) dalla rinomata Campo dei Fiori e da Largo di Torre Argentina. Eppure, in pieno centro di Roma, si può gustare uno dei panini più buoni della città. Se, infatti, per la birra Baladin non ha bisogno di presentazioni, la cucina è tutt’altro che scontata. La qualità dei panini e del cibo, dopo diverse volte che ci siamo stati, possiamo dire che è rimasta alta. Il locale, ampio e su due piani, è arredato con gusto e pezzi unici che però, tra loro, non fanno a cazzotti. E’ sempre consigliata la prenotazione, soprattutto a cena. L’immensa selezione di birre insieme alla presenza nel menù, non solo di burger, lo rendono un posto molto versatile: dall’aperitivo al dolce. L’unico neo può essere il parcheggio, non facile. Ad ogni modo, la sua posizione, rende Open Baladin facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici.

Cosa mangiare da Open Baladin a Roma e le sue birre

Open Baladin a Roma rimane, per noi, uno dei nostri panini preferiti nella Capitale. Inutile dire che abbiamo assaggiato di tutto. Non si può non iniziare a sgranocchiare qualcosa per accompagnare una fresca birra senza assaggiare le Fatate, sfoglie di patate fresche in molteplici gusti, insieme alle scrocchette. Se vi state chiedendo cosa sono, eccovi serviti. Una sorta di crocchè di patate dalla panatura croccante ma, dal ripieno vario. Super consigliata quella cacio e pepe 😛

Passiamo ora ai panini. Nel menù è presente anche la scelta vegetariana ma, secondo noi, è su quelli a base di carne che Open Baladin può vincere a mani basse. Tartare di Fassona piemontese, hamburger da 180 gr abbinati a salse artigianali, contorni top e per finire il pane di Bonci, altra istituzione in città…Può bastare? 😛 Tra i nostri panini preferiti il Capri Burger e L’Onorevole, imperdibile. E semmai dovesse essere reinserito a menù, non perdete il Singin’ in The Rain con hamburger, peperoni, salsa al tabasco e provola….Una cosa eccezionale ma, solo per veri affamati!

Capitolo a parte le birre. La selezione, tra quelle del Birrificio Baladin e quelle dei marchi ospiti, è immensa. Se con una Nazionale o una Nora cascate sempre bene, non perdetevi, se capitate in periodi particolari, quella alla zucca, in genere servita nel periodo di Halloween oppure la Noel, classica birra natalizia. Se poi siete dei cultori del genere, un assaggio di Barleywine è d’obbligo.

Considerazioni finali

In questo periodo particolare, Open Baladin è aperto solo a pranzo ma, si è organizzato anche per la consegna a domicilio. Per quanto riguarda infine i prezzi, dobbiamo dire che ,sebbene giustificati dall’elevata qualità, sono leggermente, sopra la media. Se per le birre siamo sui 5€ per un calice da 33 cl, per i panini si parte dai 9€ per finire ai 15€. In ogni caso, Baladin rimane una delle esperienze che consigliamo a Roma per gli appassionati di birra 😉


0 commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: