Una giornata agli Harry Potter Studios a Londra: itinerario in sintesi

Che siate adulti o bambini, se siete un minimo appassionati di Harry Potter, non potete perdervi una visita agli Studios Warner Bros, poco fuori Londra. Il consiglio è di dedicarvi una mezza giornata piena, per girare gli studios con la giusta calma e potervi fermare ad ammirare gli incredibili dettagli dei set esposti. Noi vi siamo capitati durante il periodo di Halloween ed è stato veramente carino vedere alcuni angoli allestiti a tema. Il consiglio è di comprare il biglietto con qualche mese di anticipo, soprattutto se scegliete un periodo festivo.

Harry Potter Studios: come raggiungerli da Londra e info utili

Gli Harry Potter Studios della Warner Bros sono un pò fuori dal centro di Londra. Noi li abbiamo raggiunti prendendo da Euston il treno che in una mezz’oretta arriva a Watford Junction. I biglietti per questo treno si possono comprare prima online sul sito Trainline, con sconti se si prenota in anticipo. Una volta lì, appena di fronte la stazione, c’è la fermata del bus che per 4 sterline andata e ritorno, vi condurrà agli studios (occhio che accettano solo contanti!). Consigliamo di arrivare qui con un’oretta di anticipo rispetto all’orario in cui avete prenotato l’ingresso. Noi abbiamo atteso in fila al freddo circa 20 minuti l’arrivo del bus. Il pullman poi, in poco tempo, vi conduce all’ingresso dove alle macchinette automatiche potrete ritirare i vostri biglietti. E una volta giunti lì, l’atmosfera magica di Hogwarts inizierà a catturarvi.

Inizio della visita: dalla sala grande alla studio di Silente

Prima di iniziare, ci scaldiamo con una colazione al bar all’ingresso con tè e una danese alla cannella niente male. Inclusi nel ticket, oltre la brochure cartacea, ci sono le audioguide in diverse lingue. Sempre all’entrata inoltre, se non volete proprio perdervi nulla, ritirate il passaporto di Harry Potter. Durante il tour infatti ci saranno diversi punti dove potrete apporre i timbri 😉 Per quanto riguarda invece l’orario di ingresso, noi avevamo prenotato alle 9:30. Una volta dentro, potrete iniziare il tour entro un’ora.

Si parte con un primo assaggio della casa di Harry a Privet Drive: il sottoscala-camera da letto del primissimo film. Dopo un breve video si entra direttamente nella sala grande, ricchissima di particolari a tema Halloween (caramelle sparse sulle lunghe tavolate a forma di vermi, occhi e ragni) e quindi tutti col naso all’insù ad osservare il soffitto da cui pendono decine di zucche malefiche! In alcuni punti, il personale improvvisa alcune scene e racconti dal film per intrattenere i bimbi (e non solo), raccontando qualche chicca del set. Si prosegue lungo un percorso e iniziamo a trovare i vestiti e alcuni oggetti di scena. Ecco quindi i veri e propri ambienti, utilizzati per svariati film della saga, che  danno davvero l’impressione di essere nel film. Uno fra tutti lo studio di Silente, dove oltre alla sua sagoma c’è veramente tutto: ogni singolo libro, ampolle dei ricordi, il pensatoio e i quadri.

L'aula di pozioni e la sezione dedicata al Quidditch

Un altro ambiente che ci stupisce è l’aula di pozioni, dove troviamo l’austera sagoma del suo più celebre insegnante: Piton. L’audioguida ci spiega qualche dettaglio, come il contenuto delle oltre mille ampolle, nelle quali oltre ad alcune erbe, sono stati inseriti ciuffi di capelli, ossa e peli di animali. Ci si perde ad osservare tutti i dettagli presenti. C’è poi la capanna di Hagrid, anch’essa ricostruita con in tutto e per tutto. Continuando si prosegue e si arriva nell’area dedicata al Quidditch, dove troviamo oltre ai costumi anche le scope (si può farne alzare una gridando “up!”), il boccino d’oro e le due pluffe. Per i più piccoli qui è possibile sia farsi una foto mentre la mitica scopa si avvicina oppure fare una fila per farsi fare un video in cui si volerà sulla scopa attraversando diversi ambienti. Ritirare il video su chiavetta costa “solo” 20 sterline! Il percorso prosegue col ministero della magia, la tavolata dei mangiamorte con Nagini e la povera professoressa di Babbanologia, oltre a vari oggetti che si muovono da soli, come la valigia di Lupin.

Dalla foresta incantata al binario 9 e 3/4: set che stupiscono

Inizia poi la parte un pò più cupa. Dopo la tomba di Tom Riddle, si entra nella foresta incantata, forse uno dei set che più ci è piaciuto. L’ambiente infatti non solo è più grande degli altri ma, si può proprio camminare al suo interno mentre, nel buio più pesto, dall’alto, vengono calati i ragni giganti accompagnati da effetti speciali e sonori. Attraversato il bosco ed accarezzato Fierobecco, si cambia totalmente e arriviamo al binario 9 e 3/4.

La riproduzione della stazione e del treno è molto carina e sembra davvero di essere (anche se molto in piccolo) a Kings Cross. Salendo sul treno si attraversano gli scompartimenti dedicati ciascuno ad un film della saga (da notare il cuore disegnato da Lavanda per Ron ;-)). Si prosegue in un’area dedicata alle ricostruzioni degli animali del set e alle piante. E per chi volesse una pausa, ecco finalmente la zona bar! Si può scegliere un classico panino con hamburger Mc Donald’s style oppure, semplicemente, la famosa burrobirra! E noi, optiamo proprio per quella, curiosi di assaggiarla 😛 Il sapore? Super caramellosa, dolce oltre qualsiasi aspettativa ma, tutto sommato, fresca e simpatica come pausa! Dopo proseguiamo con l’esterno dove è presente il mitico Nottetempo e la struttura della casa di Harry, dove si può entrare (notate i premi, un po’ ridicoli, appesi alle pareti vinti dal cugino di Harry).

L'ultima parte degli Studios: dalla Gringott al castello di Hogwarts

Si ritorna all’interno per l’ultima parte del giro. Ecco la Gringott, anch’essa ricostruita alla perfezione con le colonne che sembrano vero marmo, i lampadari giganti e persino i folletti dietro i banconi! E subito dopo troviamo incredibilmente la stessa sala, completamente distrutta dal drago, che compare sullo sfondo poco dopo infiammando tutto! Si passa poi ad un’altra sezione: Diagon Alley! Qui il realismo è fantastico e c’è veramente tutto quello che si è visto negli 8 film di Harry Potter.

La visita si conclude con l’immancabile castello di Hogwarts. Un plastico gigante con tanto di ponti e guglie. Dopo il Castello si arriva direttamente nello shop. Qui c’è proprio di tutto: bacchette, scope, cappelli, accessori, sciarpe. I prezzi? Altini come ogni merchandising di livello, ma se per ricordo, vorrete portare a casa un portachiavi o una bacchetta, non spenderete un capitale 😉 La nostra visita si chiude qui, con il fan del mago della coppia felice come un bambino 🙂 Se capitate a Londra, la gita agli Harry Potter Studios ve la consigliamo se un minimo avete visto i film e seguito la saga. Anche infatti per chi non conosce a memoria ogni singola battuta, questo luogo secondo noi, può catturare e far volare la fantasia per qualche ora. Discorso a parte vale per chi ha dei bimbi. Tutti quelli che vedevamo, erano totalmente entusiasti del tour, seppur lunghetto. E a voi invece, quanto piace Harry Potter? Raccontatecelo nei commenti 😀


1 commento

Cosa vedere a Londra in due giorni: Itinerario a piedi · 28 Dicembre 2019 alle 12:29 AM

[…] Siete già stati a Londra e avete visitato le attrazioni classiche? Ecco cosa vedere in 2 giorni con un itinerario a piedi nei luoghi più cult e alternativi della città. La prima giornata è dedicata al centro di Londra, che si percorre a piedi sino ad arrivare alla Tower of London. Nel pomeriggio invece si va dritti verso Camden Market e Primrose Hill. Si può poi dedicare del tempo alla zona adiacente Kings Cross, Coal Drops. Infine se capitate di domenica come noi, non perdete uno dei luoghi più trendy del momento: il Columbian Flower Market, nei pressi di Hackney. Se dovesse avanzarvi un giorno e siete appassionati di Harry Potter, potete approfittarne per visitare gli Studios. Se siete curiosi di saperne di più, ne abbiamo parlato qui  […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: