Cannelloni alla sorrentina: origine e ricetta in sintesi

Oggi, per la serie ricette napoletane, qui su Il Mondo in Cucina, un altro grande classico: i cannelloni! Un primo piatto a metà tra una pasta al forno e una lasagna di cui ereditano la sfoglia di pasta, i cannelloni che oggi vi proponiamo nella versione “alla sorrentina” sono sicuramente una pietanza sostanziosa ma, molto, molto gustosa. Nella nostra ricetta vi spiegheremo anche come realizzare la pasta fresca a mano il che, richiede sicuramente tempi più lunghi. Per velocizzare il tutto, potete però pure comprare le sfoglie già pronte da mettere in forno 😉 Pronti allora a preparare i cannelloni alla sorrentina con noi? 🙂

Come realizzare la pasta per i cannelloni alla sorrentina: ricetta e procedimento

Se deciderete di realizzare le sfoglie per i cannelloni, allora la pasta sarà la prima cosa da preparare. In una ciotola, mescolate la farina con la semola e un pizzico di sale. Unite le uova già sbattute e amalgamate il tutto energicamente con le mani. L’impasto dovrà compattarsi e diventare una palla omogenea. Se non doveste riuscire a renderlo compatto, potrete aggiungere un pizzico di acqua fredda. Non oltre altrimenti potrebbe risultare difficile da stendere. Una volta completata questa fase, avvolgete la pasta in un pò di pellicola e lasciatela riposare in frigo per almeno mezz’ora.

Come stendere la pasta fresca per i cannelloni

Trascorso il tempo di riposo, riprendete l’impasto e dividetelo in pezzi. Per stendere le sfoglie, il nostro consiglio è di utilizzare la macchina per la pasta. Se non doveste averla, naturalmente potete stenderla a mano con il matterello ma, la fatica, è sicuramente maggiore! Su un piano, spargete un pò di semola mentre, da parte, tenete dei vassoi o dei piatti grandi con dei fogli di carta forno. Vi saranno utili per lasciare le sfoglie ad asciugarsi una volta stese. Impostate nella macchina della pasta in primis con la larghezza maggiore e inserite la pasta. Se la striscia, seppur spessa che ne uscirà, sarà intera procedete ripiegando i bordi destra e sinistra su sè stessi. Schiacciate un pochino con le mani la pasta e ripassatela nella macchina ma con spessore minore. Ripetete l’operazione fino ad arrivare allo spessore minimo (sulla nostra macchina è 8-9) e, ricavata una striscia liscia, tagliatela in quadrati con una rotella. Riponete i vari quadrati su vassoi o fogli di carta forno infarinati leggermente con la semola.

Quando avrete terminato la stesura della pasta, potete cuocerle. Vi consigliamo di utilizzare una pentola bassa e ampia di modo che sia facile poi ritirare le sfoglie. Ponetele una ad una in acqua salata e bollente con delle pinze. Non appena vedrete che saliranno a galla (massimo 3 minuti) ritiratele e ponetele a raffreddare sempre su fogli di carta forno ben separate. Una volta cotte, lasciatele pure seccare per 4-5 ore o una notte intera, coperte da un canovaccio pulito.

Il condimento dei cannelloni alla sorrentina: il ragù

Nel frattempo, potete dedicarvi al ragù, se non l’avete già pronto. Noi vi suggeriamo di prepararlo nella maniera più semplice: cipolla tritata, uno spicchio d’aglio (da rimuovere una volta ultimato), carne macinata e passata di pomodoro e ovviamente sale a piacere. 

Il ripieno dei cannelloni

Possiamo ora dedicarci al ripieno dei nostri cannelloni alla sorrentina. Prima di iniziare le operazioni, tagliate a cubettini sia la provola che il prosciutto cotto. Frullate la ricotta con un pò di pepe (se piace) e con un pò di ragù. La crema non dovrà venire molto liquida ma densa al punto giusto. Ora, siete pronti per riempire i vostri cannelloni!

Prendete ogni quadrato di pasta e riempitelo con la crema di ricotta e ragù insieme con un pò di prosciutto e di provola. Chiudete con delicatezza il cannellone, iniziando ad arrotolarlo su sè stesso, avendo cura che non si rompa. Una volta chiuso, ponetelo con la chiusura rivolta verso il basso, in una teglia da forno che avrete unto leggermente prima. Una volta che avrete terminato tutti i cannelloni, condite con abbondante ragù e parmigiano. Qualora dovesse esservi avanzato anche qualche tocchetto di provola, aggiungeteli a copertura. Cuocete in un forno pre-riscaldato a 160° statico e fate cuocere per 50 minuti.

Cannelloni alla sorrentina: come servire e conservazione

Servite i vostri cannelloni alla sorrentina caldi e fumanti, magari accompagnati da un buon vino rosso campano. Se avete utilizzato tutti ingredienti freschi, potete conservare i vostri cannelloni in frigo anche per due giorni. Infine, i cannelloni possono essere congelati interamente cotti oppure, potete congelare le sole sfoglie di pasta una volta scottate in acqua bollente. In tal caso, il suggerimento è di congelarle senza piegarle, separate tra loro da uno strato di pellicola trasparente. Adesso, non ci resta che augurarvi buon appetito! Se questa ricetta vi è piaciuta o avete curiosità a riguardo, vi aspettiamo sempre nei commenti 🙂


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.