Un giorno tra le Cascate di Agua Azul e Toninà: itinerario in sintesi

Durante il nostro viaggio on the road in Messico tra Chiapas e Yucatan, dopo San Cristobal de Las Casas, tappa successiva è stata la Selva Lacandona al confine con il Guatemala. L’abbiamo raggiunta in auto guidando tutta la giornata. Lungo la strada ci siamo fermati prima alla Piramide di Toninà e poi alle famose Cascate di Agua Azul. Ecco il nostro itinerario di un giorno in Chiapas tra le Cascate di Agua Azul e la Piramide di Toninà alla scoperta di quest’angolo di Messico.

Da San Cristobal de Las Casas alla Piramide di Toninà

La strada per arrivare a Toninà è lunga e un po’ trafficata, tra minibus turistici, trattori e auto messicane che ti sorpassano appena possono ma soprattutto topes! I tanto amati dossi messicani, non sempre segnalati, alti a volte anche quanto un bambino e che le sospensioni della nostra auto a noleggio non vedono l’ora di affrontare! Tutto sommato però, la strada è ancora in condizioni decenti. Verso le 12:30 arriviamo a Toninà, sito non segnalato benissimo, quasi nel nulla, con pochi turisti. All’ingresso troviamo un local che ci fa da guida durante la visita. Percorriamo il sentiero verso la piramide, sommersa nel verde. La nostra guida ci racconta che da bambino, negli anni ’80, ha assistito ai primi scavi che portarono alla luce la piramide di Toninà sino a quel momento, completamente sommersa dalla vegetazione. Una volta giunti ai piedi della piramide, ci arrampichiamo salendo uno ad uno i gradoni un pò sconnessi.

Una volta giunti in cima, abbiamo davanti a noi il panorama sulla jungla circostante, fitta e selvaggia con alcune rovine sparse nelle vicinanze. Nel complesso, la nostra visita dura circa un paio di ore. La Piramide di Toninà nel Chiapas ci è piaciuta molto e la consideriamo una delle più belle viste durante il nostro viaggio in Messico. Distando circa due ore e mezzo da San Cristobal ed essendo il sito poco conosciuto, vi consigliamo di tenerla in considerazione durante un viaggio nella regione del Chiapas.

Chiapas: visita alle Cascate di Agua Azul

Ci rimettiamo in auto, in direzione Agua Azul con la labile speranza di riuscire a fare pure un bagno. Arriviamo in circa un paio d’ore. Le cascate, però, si rivelano un pò deludenti. Di Agua Azul infatti, c’è ben poco, complici, probabilmente gli ultimi due giorni di pioggia. Di conseguenza, la nostra speranza di farci un tuffo svanisce immediatamente. Saliamo lungo il breve sentiero che porta nel punto più alto per qualche foto. Anche qui, la situazione non cambia. Un pò delusi ce ne andiamo: ci attende il lungo viaggio per la Selva Lacandona. Sicuramente, con il bel tempo e l’assenza di piogge nei giorni precedenti, le Cascate di Agua Azul sarebbero state molto diverse. Tenete in considerazione il tema meteo prima di organizzarvi una visita.

Viaggio verso la Selva Lacandona: dalle montagne del Chiapas alla jungla

Siamo tutti molto eccitati ma, anche un po’ preoccupati per quello che ci attende. Abbiamo avuto, infatti, racconti di tutti i generi sull’esperienza negli ecolodge nella jungla. Personalmente non vedo l’ora di arrivarci!!! ☺  La temperatura inizia a cambiare insieme al paesaggio. Dalla piacevole frescura di San Cristobal, siamo passati ad un caldo umido, complice il cielo coperto. Intorno a noi, la montagna lascia il posto ad una vegetazione più rigogliosa e che, a tratti, già ricorda la jungla. Passano le curve e i piccoli agglomerati di casette che troviamo qua e là. Man mano che proseguiamo, le vetture turistiche diminuiscono e troviamo solo auto e piccoli colectivos messicani sulla strada. Nel frattempo, ci viene pure fame. Peccato che se, sino alle Cascate di Agua Azul era pieno di venditori di pannocchie alla brace ora, non ne vediamo neanche l’ombra!  

chiapas agua azul

Sono le 15:00 e iniziamo a guardare con sguardo languido le poche case che incontriamo ma, nessuna sembra vendere cibo. Quasi perse le speranze, dopo un’oretta, non sappiamo nemmeno dove, accostiamo per un miraggio. Dopo chilometri e chilometri, finalmente ecco l’unico chiosco che vende qualcosa da mangiare. E in un angolino remoto del Chiapas, mangiamo quello che è uno dei polli alla brace più buoni di sempre che ricorderemo per tutta la vacanza per la sua bontà!!! Saporito, rosso di marinatura da chipotle probabilmente, carnoso, l’abbiamo divorato alle 16:00 del pomeriggio sotto un sole cocente, come se non avessimo visto cibo da giorni…In realtà non mangiavamo da sole 8 ore 😛 Sazi e soddisfatti, riprendiamo il viaggio. Dopo la visita alle Cascate di Agua Azul e alla Piramide di Toninà, ora, ci attende il nostro lodge nella Selva Lacandona!


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.